Condividi: 

Michele Boscacci resta l’uomo da battere: a Saalbach vince l’edizione 2019 della prestigiosa Mountain Attack


Michele Boscacci vince nuovamente la Mountain Attack, la più dura ed estrema delle scialpinistiche in notturna. Per lui un finish time di 1h57’23” che gli ha permesso di tenere dietro l’austriaco Armin Hofl e l’idolo di casa Jakob Hermann. Nella gara marathon doppietta LaSpo con Alex Oberbacher e Elena Nicolini.

L’incredibile crono di 2h18'57" stabilito a Saalbach lo scorso anno da Michele Boscacci, non poteva essere toccato. A causa delle forti precipitazioni nevose in questa prima parte dell’anno, il comitato organizzatore si è visto costretto a togliere gli ultimi 400m della seconda ripida ascesa per garantire la sicurezza di atleti e addetti ai lavori.

Ma la Mountain Attack rimane comunque la notturna più dura e suggestiva della stagione, ed i migliori atleti del panorama internazionale non hanno fatto a meno di presentarsi ai nastri di partenza. Così, per la ventunesima edizione della gara ideata da Roland Kurz, in ben 1100 partecipanti da ventidue nazioni hanno preso parte lo scorso 11 gennaio alla corsa verso lo Schatt-berg.
Delle tre gare in programma, La Schattberg Race, la gara Tour e la Marathon, solo quest’ultima ha visto una modifica di tracciato, che seppure mantenendo la consueta veste da 3 salite e altrettante discese, ha portato il dislivello complessivo a 2600m.

Archiviati i sogni da record, in palio vi era comunque una leadership da riscrivere ed una dimostrazione di forza dagli importanti riflessi, visto l’approssimarsi della prima tappa di coppa. Dopo quanto visto nella seguitissima diretta streaming verrebbe da dire che il messaggio ad atleti e appassionati è arrivato “forte e chiaro”. Michele Boscacci è e resta l’uomo da battere.

Nessun dubbio, nessuna incertezza. La stella del CS Esercito e ambassador La Sportiva si è subito portata al comando facendo la gara. La sua è stata l’ennesima dimostrazione di forza di un campione tanto umile e timido nella vita di tutti i giorni, tanto deciso e determinato in gara.
I miei complimenti vanno a Jakob ed Armin che hanno completato il podio, e che mi hanno dato la carica giusta per spingere al massimo durante tutta la gara, e all’organizzazione che ogni anno, qui a Saalbach, riesce a mettere in piedi quest’evento spettacolare.

Vittoria al femminile per Alba De Silvestro, che alla sua prima esperienza nella più dura delle notturne ha dovuto lottare per agganciare il gradino più alto del podio con Claudia Galicia e l’atleta di casa Michaela Essl. Una sfida tutt’altro che scontata la loro. Un vero e proprio testa a testa aperto a qualsiasi responso.
Per la De Silvestro buona la prima in 2h28’20”.

Nella gara Tour successo tutto firmato La Sportiva con Alex Oberbacher (1:41:58), al traguardo assieme a Daniel Zugg e Alex Brandner, mentre per la gara in rosa graditissimo ritorno sul podio di Elena Nicolini. Per l’atleta trentina del Team LaSpo la vittoria al Tour della Mountain Attackvale doppio perché mi sono ripresa la mia vita. Lo sci alpinismo è una parte di me, mi piace questo sport, l’ambiente, gli allenamenti. Negli ultimi due anni sono sempre andata sugli sci, ma sono stati due anni difficili, con tanti problemi che adesso si sono risolti. Questo successo vuol dire tanto, non solo per me: se tieni duro, se non ti arrendi alla fine le soddisfazioni arrivano

Highlight Products