Condividi: 

La Sportiva Lavaredo Ultra Trail: un contenitore di storie ultra


Si conclude con un bilancio positivo il primo anno di collaborazione tra il marchio trentino e l’ultra trail più famosa delle Dolomiti. Cinquemila i runner presenti ai nastri di partenza nelle quattro gare disputate, trionfo del Team La Sportiva nella Cortina Trail e grande partecipazione del pubblico ai side events.

Una quattro giorni all’insegna della corsa off road in tutte le sue forme, quella che si è tenuta a Cortina d’Ampezzo tra il 26 e il 30 giugno. Un evento disegnato nella splendida cornice delle Dolomiti che ha saputo raccogliere 5 mila runner provenienti da 65 differenti paesi, tifosi e appassionati, e che per la prima volta vedeva affiancati Lavaredo Ultra Trail e La Sportiva in un connubio tutto italiano legato da territorialità e valori.

Ad inaugurare il lungo weekend di Cortina, da poco chiamata assieme a Milano ad ospitare le Olimpiadi invernali 2026, la doppia esperienza Hiking e Running mirata a scoprire la bellezza delle Dolomiti. Ripercorrendo parte dei tracciati di gara assieme agli atleti del Team La Sportiva, offriva agli iscritti la possibilità di testare le novità prodotto 2019, Bushido II e Kaptiva, Tx2 e TX4.

Nella serata di giovedì, dopo i festeggiamenti per la vittoria della spagnola Irati Zubizarreta e l’argento di Nicola Molina nella Cortina Skyrace, i riflettori si sono postati sull’Alexander Hall, dove per la prima volta si sono incontrati sul palco Michele Graglia e Anton Krupicka, tornato a Cortina dopo la vittoria del 2014.
Un talk moderato dallo scrittore Folco Terzani che con dinamicità e delicata ironia è riuscito a cogliere le tante sfaccettature che caratterizzano la corsa su lunghe distanze. Parlando di meditazione, allenamento e superamento di limiti, le due icone dell’ultra running si sono confrontate per più di un’ora davanti all’ampio pubblico presente in sala e online (l’evento è stato trasmesso in live streaming) arrivando a toccare temi importanti e che parallelamente abbracciano la disciplina come quello dell’inclusione e della sostenibilità.

Venerdì 28 è stato il turno della Cortina Trail. 48km e 2.600 m+ che hanno messo a dura prova i 1800 atleti presenti, costretti a fare i conti non solo con la tecnicità del percorso ma anche con il caldo torrido di quella che si è dimostrata essere la settimana più calda degli ultimi anni. Ad illuminare il traguardo di questa 8° edizione, il sorriso e la forza di Miguel Caballero Ortega. Runner catalano fin dagli albori portacolori del Team La Sportiva, ha chiuso la sua gara in 4h 30' 40'', festeggiando la vittoria assieme al connazionale Pere Rullan, secondo a soli 5 minuti.

Vincere oggi a Cortina è una soddisfazione che vale doppio – ha affermato Miguel non appena tagliato il traguardo – una gara spettacolare e iconica vinta davanti al pubblico ‘di casa’ La Sportiva

A completare il podio l’italiano Enzo Romeri, che non concede al trentino del Team La Sportiva Christian Modena di doppiare il successo dello scorso anno lasciandolo di poco alle spalle.
Al femminile si conferma per il secondo anno di fila l’americana Hillary Allen, con un crono di 5h 30' 50''. Dietro di lei la spagnola Mònica Comas Molist e Sabine Wurmsam

Solo un paio di ore hanno diviso gli ultimi arrivi della Cortina Trail dalla gara regina della kermesse nonché unica tappa italiana dell'Ultra Trail World Tour: la Lavaredo Ultra Trail. Le note di Ennio Morricone hanno fatto da colonna sonora alla suggestiva partenza in notturna degli oltre 1800 concorrenti, pronti a darsi battaglia per 120km al cospetto delle Tre Cime di Lavaredo e del Cristallo, delle Tofane e delle Cinque Torri, dell'Averau e della Croda da Lago.

A mettere il sigillo sulla 13° edizione l’americano Tim Tollefson, in testa fin dai primi chilometri e capace di fermare le lancette del cronometro sul tempo di 12h18'47”. Per applaudire l'arrivo del secondo si è dovuto aspettare oltre 12 minuti con l’arrivo del cinese Jiasheng Shen, terzo invece il neozelandese Sam McCutcheon.

Tra le donne, a salire sul gradino più alto del podio è stata la svizzera Kathrin Götz, prima in 14h59'52” seguita dalla francese Audrey Tanguy (15h24'10”). Menzione speciale per il terzo posto conquistato dall’atleta La Sportiva Francesca Pretto.

È una gara che ho sempre osservato con riverenza e distacco, pensando non fosse nelle mie corde in quanto molto corribile. – ha scritto Francesca sulla sua pagina Instagram – quest’anno però ho capito che era arrivato il momento di provarci, ed è stata una scoperta sorprendente. La LUT è magica, un misto di gioia e fatica.”

La giornata di sabato 29 ha visto anche la disputa della UltraDolomites, novità 2019 tra le proposte de La Sportiva Lavaredo Ultra Trail: 87 chilometri, con 4600 metri di dislivello positivo e 4250 metri di dislivello negativo, con partenza da Auronzo di Cadore, e arrivo a Cortina. Ad inaugurare l'albo d'oro è stato lo spagnolo Andreu Simon Aymerich, al traguardo in 8h50'46.

Ma la Lavaredo Ultra Trail è una gara di tutti, non solo dei top runner che finiscono a podio. Come in ogni ultra, anche in questo caso le differenze dei singoli corridori vengono annullate dalla fatica e dalle emozioni, che sono uguali per tutti così come la distanza, condivisa metro dopo metro dal primo all’ultimo concorrente. Cercando di raccontare questo aspetto inclusivo e trasversale, La Sportiva ha deciso di seguire nel loro percorso tre diversi runner. Un professionista, un amatore ed una mental coach. Tre modi diversi di vivere la gara e la sua preparazione, tre storie, tre obbiettivi, tre ritmi diversi accomunati da una sola passione, quella per la corsa in montagna. La video serie, chiamata #myLUT ha funto da slancio per la creazione dell’hashtag che ha raccolto in diretta le storie di tutti, condivise in quei quattro giorni di ultra running, e che potete vedere qui: http://bit.ly/30uAvuw

Menzione d’onore, anche ad alcuni dipendenti e collaboratori La Sportiva che hanno preso parte alle diverse gare:

Jacopo Beggio, Agente Lombardia 120k
John Samways, Distributore UK, 120km
Thomas Pfisterer, Agente Austria, 90km
Giulio Beggio, Agente Lombardia, 48km
Marco Felicetti, R&D department, 48km
Francesco Trenti, Web marketing manager, 48km
Matt Adams, Distributore Australia, 23km
Greg Fawkner-Corbett, Distributore UK, 23km
Luca Serafini, Area Manager, 23km
Matteo Cerchio, Financial manager, 23km
Jonathan Pedrotti, Junior Area Manager, 23km

Highlight Products