Condividi: 

Airplane Mode – retrospettiva sull’ultima via aperta da Roger Schaeli sulla Nord dell’Eiger


L'ambassador La Sportiva Roger Schaeli ci parla della nuova via sul Pilastro dei Ginevrini che ha aperto lo scorso novembre sulla parete nord dell'Eiger. Anche se più breve di altri noti percorsi sulla leggendaria Nordwand, Airplane Mode potrebbe includere il tiro chiave più difficile fra tutte le sue sorelle maggiori: per essere in grado di arrampicarsi è necessario concentrarsi completamente e passare alla “modalità aereo ".

Testo di Roger Schaeli

“L’imponente Pilastro dei Ginevrini è conosciuto in tutto il mondo dell’arrampicata, e non solo per la sua storia. Spicca letteralmente sulla montagna a causa del bellissimo gioco di luci e ombre che mi ha sempre affascinato. Il Pilastro dei Ginevrini è probabilmente la parte più scalata della parete nord dell'Eiger, disegnata da diverse vie di arrampicata sportiva moderna, rinomate in quanto difficili nel grado ma mai più lunghe di nove tiri. Inoltre, la roccia è eccezionale e l’avvicinamento breve. Salire il Pilastro dei Ginevrini ti permette di avere un assaggio di quello che significa arrampicare sull’Eiger, anche se resta distante dal tipico approccio all'Eiger North Face.
Tuttavia, l'idea di scalare una via alla destra del bellissimo angolo del Pilastro mi ha fatto compagnia per un po’ di tempo, portandomi nell'estate del 2016 a trovare una nuova linea proprio accanto alla famosa "Deep Blue Sea". Dopo esserci “scaldati” salendo "Le Chant du Cygne", assieme a Mayan Smith-Gobat abbiamo impostato il nostro bivacco sul ghiacciaio dell'Eiger. La mattina seguente siamo tornati al nostro angolo sul Pilastro dei Ginevrini. Mayan mi ha assicurato pazientemente dandomi la possibilità di riuscire a salire il primo tiro. Ho dato tutto quello che potevo per conquistare il punto chiave del tiro, che mi è costato alcune spettacolari cadute prima di riuscire a salire in libera dall'ultimo chiodo fino alla tanto attesa sosta. Abbiamo concluso la giornata molto soddisfatti e con la consapevolezza che anche se sarebbe stato difficile, riuscire a chiudere la via sarebbe stato bellissimo, e con questo spirito ho deciso che non avrei mollato il progetto.

Il tiro chiave: nonostante il buon inizio volevo prendermi del tempo, per tornare al Pilastro un anno dopo con Rannveig Aamodt. Malgrado in sua compagnia io abbia scalato ovunque nel mondo, quell'angolo dell'Eiger è sempre stato per noi un argomento di discussione, ed ha quindi accettato volentieri di accompagnarmi in questo tentativo. È stato talmente paziente da continuarmi a fare sicura anche sotto i primi fiocchi di neve e il freddo gelido, e proprio in quest’occasione è nata l’idea per dare il nome alla via: Rannveig e io avremmo voluto poter impostare i nostri telefoni in "modalità aereo" al fine di poter passare giorni interi a scalare, senza interruzioni.

Più tardi quell'estate ho avuto occasione di lavorare ancora sulla via. Ero tornato sull’Eiger per provare a salire in giornata 'La vida es silbar', ma non essendo stato possibile ho avuto il tempo di impegnarmi per il mio nuovo progetto. Dimitri Vogt, un giovane alpinista molto forte di Biel, mi ha accompagnato per due giorni e siamo riusciti a fare una prima salita del tiro chiave: molto vario e impegnativo, il crux della via è lungo 40 metri e protetto da soltanto due spit, tutto il resto su nuts e friends piccoli. Si sale su una sporgenza molto ripida fino ad una parte più strapiombante, per il quale consiglio il Camalot come protezione mobile in questa parte. Una volta piazzato, devi scalare il passaggio obbligato più complesso. Dopo numerose cadute e altrettanti tentativi, quello che riuscivo a trovare in termini di prese era una pinzata a sinistra, una piccola fessura bidito a destra e una piccola struttura che dovevo rapidamente lasciare per essere in grado di allungarmi il più possibile verso l’alto.
Bam! Finalmente mi sono ritrovato alla presa desiderata. Qui è dove si trova la seconda protezione fissa, un chiodo. Raggiungere questa presa mi è costato un'intera giornata, tutta la mia forza, la pelle delle dita e una corda. La nuovissima corda che avevo ha sofferto così tanto durante tutte le mie cadute sulla roccia grigia dell'Eiger che il suo tessuto è stato distrutto dall'abrasione e il nucleo era visibile, per cui prima di riuscire a salire il passaggio chiave dovevo tagliare i primi dieci metri della corda e ricollegarmi. Dopo il passaggio chiave una doppia fessura di calcare incredibilmente bella e insidiosa porta alla sosta. Questo campo è davvero unico e probabilmente il più difficile che abbia mai scalato sull'Eiger. Stimo che sia un po' più difficile di un 8a + / b.

Sono sicuro che questa via diventerà molto popolare un giorno. L’avvicinamento è facile, la salita molto dura ma non così lunga, laboriosa e alpina come ad esempio Odyssee. 'Airplane Mode’ è composta di soli nove tiri, e rappresenta quindi l'obiettivo ideale per i climber più forti che cercano un'avventura Eiger più piccola e piccante."

 

I fatti:

Il 40enne alpinista svizzero Roger Schaeli ha completato una nuova via sulla parete nord dell'Eiger. Schaeli ha aperto Airplane Mode arrampicando sempre dal basso tra l’estate 2017 e 2018, insieme ai compagni Dimitri Vogt, Bernd Rathmayr e Mayan Smith-Gobat. La via di 300 metri si snoda a destra di Deep Blue Sea, lungo il meraviglioso spigolo del sole sul Pilastro dei Ginevrini. Le difficoltà si attestano intorno all’8a+, manca ancora la prima rotpunkt in giornata ma Schaeli prevede di tornare in primavera per chiudere il cerchio.

Airplane Mode è la terza via di Schaeli sulla nord dell'Eiger. Nel 2007 ha completato Magic Mushroom insieme a Christoph Hainz, mentre nel 2015 insieme a Robert Jasper e Simon Gietl aveva completato Odyssee.

Highlight Products