Condividi: 

Scarpette d’arrampicata alle Olimpiadi? Un sogno che diventa realtà


L’arrampicata sportiva trova il suo posto tra le cinque discipline proposte dal Comitato organizzatore delle Olimpiadi di Tokio 2020. Assieme a baseball/softball, karate, skateboard e surf, si aspetta ora solo la conferma ufficiale del prossimo agosto.

Un momento che si aspettava da molto tempo, questo. Un annuncio che finalmente trova ora la sua dichiarazione: l'arrampicata sportiva - nelle specialità Bouldering, Lead e Speed - è vicinissima alla sua prima Olimpiade, grazie alla proposta avanzata dal Comitato Organizzatore di Tokio 2020. Ed è proprio il presidente della Club Alpino Giapponese Yagihara Kunio a ribadire la propria convinzione rispetto la proposta, definendo l'arrampicata come "il complemento perfetto per il programma dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020, nonchè fonte di ispirazione per i 500.000 climber giapponesi e tutti gli spettatori che scopriranno questo sport in condizioni reali." Un momento importante, quindi. Perchè è da tempo che il movimento del climbing internazionale si impegna per la valorizzazione di questa disciplina che di anno in anno sta osservando una crescita sempre maggiore.
Un riconoscimento che indirettamente si espande anche a tutte quelle realtà che da sempre si sono battute per favorirne lo sviluppo. Esattamente così come La Sportiva - identificabile con questa disciplina a partire dal nome che porta -  e che da quasi novant'anni sostiene gli amanti del verticale offrendo loro innovazione e passione attraverso la manifattura di calzature di prima qualità. Assistendo in questo modo alla nascita dei campioni di oggi e seguendone il percorso di crescita supportandoli nelle loro attività, restiamo ora in attesa che il prossimo agosto vengano confermate le discipline effettivamente  accolte nella grande famiglia degli sport iridati, sperando di poter  un giorno vedere questi talentuosi sportivi sfilare sotto gli iconici Cinque Cerchi olimpionici.