Condividi: 

Mountain Running Cup: sui podi Trentapassi King Zemmer e Remì Bonnet


Un esordio con il botto per la prima tappa del La Sportiva Mountain running Cup e prima prova di Skyrunning Italian Series. Nel Vertical quarta vittoria per Urban Zemmer e seconda per Emelie Collinge; Nella prova Sky record per lo svizzero Bonnet ed oro p

Weekend da record a Marone (Brescia) per l’evento podistico numero uno sul lago d’Iseo, che va ad inaugurare il circuito running firmato La Sportiva. Ai nastri di partenza presenti oltre 650 atleti in rappresentanza di 10 nazioni, che si sono divisi tra le prove Vertical e Sky sfidandosi sulle creste della mitica e spettacolare Trentapassi.

I primi a prendere il via dalla suggestiva location di Piazza Vittorio Emanuele sono stati gli scalatori della gara only up. Ad attenderli 1050m di pura fatica diluiti su 3,5km di durissima ascesa, per raggiungere nel minor tempo possibile la vetta della Corna Trentapassi. Una gara tecnica ed impegnativa per la quale il Team la Sportiva ha calato i suoi assi.
Nicola Pedergnana, giovane polivalente trentino nazionale di corsa in montagna e scialpinismo, ha provato a mettere alle corde il rodato Re delle vertical Urban Zemmer. All’inizio sembrava ci fosse anche riuscito, ma quando la gara è entrata nel vivo, “The King” è tornato in cattedra imponendosi su tutti e vincendo in 39’47” (Imbattuto quindi il suo 38’49” stabilito nel 2014). Secondo sul podio un eccellente Pedergnana 40’00” che di 46” ha preceduto il neo eletto campione del mondo di sci alpinismo Michele Boscacci. Per il valtellinese del Cs Esercito crono finale di 40’46”. Nei 5 anche Patrik Facchini, Marco Moletto ed Hannes Perkmann.

Se al maschile è stato tripudio (e tri-podio) La Sportiva, nella gara in rosa la britannica del Team Alta Valtellina/Patagonia Emmie Collinge si è riconfermata campionessa, abbassando il suo record tempo 2015 che era poi anche il record in rosa. Per lei successo in 50’18”, con un gap di soli 16” sull’intramontabile Francesca Rossi (50’34”). A chiudere il podio, terza piazza di Beatrice Deflorian, l’atleta del team La Sportiva che ferma il cronometro sui 54’17”.

E mentre sulla cima Trentapassi gli sprinter del Verticale brindavano con la loro meritata “birra d’arrivo”, sul Lungolago di Marone prendeva il via la gara principe dell’evento bresciano griffato La Sportiva.
Il super favorito dei pronostici Sky lo svizzero Remì Bonnet, che ha subito fatto il vuoto dietro di sé transitando per primo al Gpm della gara e in assoluta solitudine sull’affollato rettilineo che portava al traguardo di Piazza Vittorio Emanuele. Nonostante un allungamento di circa 300 metri sul percorso originale, lo svizzero del Team Salomon ha stabilito il nuovo record di tracciato, chiudendo la propria gara 1h34’47”. A testimonianza di una gara cresciuta in maniera esponenziale anche il vincitore 2015 Ionut Zinca e il vincitore di World Series 2015 Tadei Pivk sono rimasti sotto il precedente best time. Sui 17.7km con 1400m up, il rumeno della Valteduo ambassador La Sportiva Ionut Zinca si è piazzato secondo in 1h37’17”. Terzo posto per il friulano del Team Crazy Idea - La Sportiva Tadei Pivk in 1h37’46”. Buoni anche i piazzamenti del piemontese Paolo Bert (quarto) , dell'altoatesino Martin Stofner (sesto) e del'altro alfiere La Sportiva Christian Varesco (decimo).

Al femminile dopo due piazzamenti la regina delle sky Emanuela Brizio è riuscita a tagliare per prima il traguardo della Trentapassi fermando il cronometro in 2h08’43”. Sul podio con la stella del Team Valetudo le valtellinesi del Team Crazy Idea Elisa Sortini – 2h09’20” – e Raffaella Rossi  - 2h12’31”-.