Condividi: 

La Sportiva storyteller: Adam Ondra


Nuova uscita video per il progetto de La Sportiva che racconta i propri atleti in modo originale.

La Sportiva Storyteller è un progetto video che racconta la prospettiva degli atleti La Sportiva, discostandosi da tutto quello che riguarda gradi e performance e focalizzando l’attenzione sul tema del viaggio, sulle sensazioni ad esso collegate e su quello che rende davvero speciali i nostri arrampicatori, ovvero il fatto di essere prima di tutto uomini con grandi passioni e grandi sogni. Con atleti quali Nalle Hukkataival, Anthony Gullsten, Fabian Buhl e Silvio Reffo, Matteo Pavana curatore del progetto, si è soffermato in particolare sulla tematica del viaggio, andando a scavare la loro indole di curiosi viaggiatori, inconsci o fermi sostenitori della filosofia “You only live once”. 

Ed ecco il turno di Adam Ondra, forse il climber più forte attualmente vivente. Con lui, il tema affrontato è stato quello della libertà e di quanto proprio l'arrampicata possa far sentire liberi.

In molti possono pensare che Adam sia “soltanto” un eletto, baciato da un talento sopraffino, il che è vero ma solo in parte. Quanti altri arrampicatori talentuosi esistono? Quanti altri possono dire però di avere fatto quello che ha fatto Ondra? A livello di performance pare quasi esista una sorta di “scala Ondra”, ovvero un livello di difficoltà in cui solo lui può cimentarsi. 

E qual’è la variabile che sconvolge l’intera equazione? La risposta è quanto mai semplice e complicata allo stesso tempo quando si parla di campioni di un certo spessore, ed è “fame”. Una voglia innata di superarsi, di dare tutto, di confrontarsi con se stessi prima che con gli altri (tanto che il mondo delle gare Adam lo scoprirà solo in un secondo momento e più come allenamento mentale che come vera e propria competizione con gli altri).

Per Adam non esistono scuse per non allenarsi, per fare tutto il possibile per riuscire.
Avendo sempre scalato con questa ottica, si potrebbe pensare che Adam sia arrivato a vivere tutto questo come un dovere quasi auto-imposto, ed è fantastico invece sentire dalle sue parole il puro piacere di vivere inseguendo un sogno giorno dopo giorno.
Un piacere particolare che nasce anche da sofferenza e dolore. Le tre sedute giornaliere di allenamento alternate allo studio in università, non sono certo un programma comune ed il modo ideale di organizzare la propria giornata.

Nel rilasciare l’intervista, Adam ci ha dimostrato però una serenità invidiabile...perchè la sua passione lo rende libero di essere ciò che più desidera. ”Freedom without something to be passionate about is just worthless”, ci dice.
Che sia questo il segreto della sua felicità? Scopritelo cliccando play.

E per approfondire la conoscenza di Adam Ondra, visita il sup profilo di ambassador La Sporrtiva.