Condividi: 

La Sportiva Mountain Running series: un episodio per raccontare la Dolomites


La web series dedicata al mondo del mountain running va avanti, e si presenta all’alba della Dolomites Skyrace 2016 con un secondo, emozionante episodio in cui atleti e sviluppatori ci raccontano cosa significa per loro correre la gara “regina” delle Sky alpine. Fra gli scorci delle Dolomiti del Piz Boè, parole e immagini descrivono ancora una volta la passione del correre off-road firmato La Sportiva.

Ci sono storie nel mondo outdoor che valgono la pena di essere raccontate andando oltre al semplice comunicato stampa, dedicando loro l’attenzione ed il tempo che meritano.
E’ il caso della storia che può raccontare oggi La Sportiva sulla propria linea “Mountain Running®”, comprendente sia calzature tecniche che abbigliamento per la corsa in montagna nelle sue più diverse declinazioni (sky, trail, vertical), passando dall’idea all’azione.

Dopo essere stati nei laboratori della sede produttiva di La Sportiva e aver visto come nascono e prendono forma tutti i modelli della collezione footwear, nel econdo episodio della Mountain Running web series veniamo trasportati agli inizi di questa disciplina che fa della montagna il proprio immenso campo di gioco.

Attraverso le immagini e le parole di chi questo sport lo ha visto crescere e di chi invece oggi lo vive ai suoi massimi livelli, viene raccontata la naturale evoluzione del mountain running in una delle sue cornici più suggestive e pure: le Dolomiti, anzi La Dolomites.

Giunta alla sua diciannovesima edizione, la Dolomites skyrace è l’indiscussa regina delle gare alpine. Tecnica, temuta e durissima, si pone come meta e riferimento per tutti gli appassionati del settore. Perché se il trail running è “more that running”, la Dolomites si può tranquillamente definire “more than a race”. Grazie ai suoi 22 chilometri di sviluppo suddivisi quasi perfettamente tra ascesa e discesa, e a quei 1750 metri di dislivello positivo che portano i corridori a raggiungere una quota massima di 3152 m. Grazie a quel mare di roccia bianca capace non solo a trasformare la montagna in un paesaggio quasi lunare, ma a rendere il percorso così severo da non ammettere errori.
Grazie a questo, al suo essere e alla sua storia, la Dolomites è unica, ed assieme a We Are Sunday video production company, la Sportiva ha cercato di raccontarla così.