Partagez-le: 

Tadei Pivk: ecco il nuovo re dello Skyrunning


Il weekend gardesano assegna al friulano del Team Crazy-La Sportiva il mondiale dei corridori del cielo. È suo il primo titolo tricolore nelle WorldSereies

Si sapeva che lo spettacolo non sarebbe mancato, ma la due giorni dedicata allo skyrunning di Limone del Garda, ha superato ogni aspettativa. Più di mille gli atleti impegnati tra venerdì e sabato nelle gare di Vertical e Sky, anche se i riflettori erano inevitabilmente puntati sui protagonisti di questa World Series 2015: Classifica alla mano erano quattro gli uomini e quattro le donne in lizza per il successo finale. A decretare i più forti di tutti un percorso tutto nuovo, ridisegnato a tempi record dal direttore di gara Fabio Meraldi e dal suo staff dopo le abbondanti precipitazioni piovose e la neve in quota, che aveva reso impraticabile parte dell'itinerario originale. Risultato, tracciati alternativi per entrambe le specialità, ma paradossalmente ancora più belle e spettacolare con  6 kilometri per 1200 m di dislivello nella vertical, e  25km di sviluppo e 2400m di salita per la sky. Ma partiamo dal principio. Venerdì sera, con un percorso nuovo di zecca e condizioni meteo altalenanti, erano praticamente in trecento a prepararsi le gambe sulla linea di partenza in via Marconi, tra i quali i favoriti Urban Zemmer e Remì Bonnet. In una scia di luci frontali e passi veloci, il primo ad arrivare al traguardo è stato proprio il giovane svizzero, dopo 43’51”. Solo dieci secondi dopo, l’intramontabile trascinatore del team La Sportiva, Zemmer, mentre a fargli compagnia sul terzo gradino del podio Stia Hovind Angermund (44’13).
Livello e gara vera anche al femminile con Christel Dewalle che si conferma fortissima vincendo in 50’48”. Seconda piazza di giornata per la forestale Antonella Confortola -53’12”- che ha distanziato di 34” l’iberica Maite Maiora. Dopo i festeggiamneti del venerdì sera, tutti pronti per la seconda prova di questa finale di stagione, una sorta di “secondo round” per molti atleti che hanno combattuto i pendii di Limone del Garda in entrambe le discipline. Pronti, via e dopo solo 4km è subito lo svizzero Remi Bonnet ad imporre la legge del più forte. portandosi in scia il basco Aritz Egea e il norvegese Stian Hovind. A cima Larici è il momento invece di Tadei Pivk, l’atleta carnico del Team Crazy che da quest’anno ha scelto Mutant La Sportiva per affrontare le prove di questo circuito, ha scalato la marcia ed ha iniziato la sua risalita alle prime posizioni insieme all'azzurro di corsa in montagna Luca Cagnati e al rumeno del Team Valetudo Ionut Zinca. Al femminile Laura Orgu è tallonata da Maite Maiora, Megan Kimmel e da Elisa Desco. Colpo di scena a Cima Mughéra. La ridiscesa  finale verso Limone non cambia le carte in tavola, lasciando al vittoria nelle mani di Remi Bonnet in 2h45’25”. (unico nella breve  storia di questa gara a vincere sia vertical che sky). Ma è la seconda piazza ad aggiudicare il titolo 2015 di questa World Series 2015: Tadei Pivk chiude in 2h51’08”,  scrivendo la propria pagina di storia nello Skyrunning, e caricandosi sulle spalle il merito di essere il primo italiano a riuscire in questa impresa. Bronzo di giornata e secondo posto nel circuito per  lo spagnolo Manuel Merillas -2h52’52”-. Al femminile bella prova di forza per l'olimpionica di fondo Orguè, prima al traguardo in 3h18’50”. Seconda piazza per Maite Maiora (Team La Sportiva) - 3h19’07”- e terza piazza ancora Salomon Ohianna Kortazar – 3h22’24”-.      classifiche qui: limoneextreme.com