Partagez-le: 

La Sportiva Vertical Trophy: la vittoria è di Varesco e Deflorian


Dopo sette tappe, sono gli alfieri del team La Sportiva Christian Varesco e Beatrice Deflorian ad aggiudicarsi il Vertical Trophy Fiemme e Fassa 2015.

È stato un gran bel finale, quello di sabato scorso a Ziano di Fiemme. Una giornata di sole, sport e condivisione  perfetta per iscrivere la parola “fine” ad un circuito che per la quinta volta è riuscito ad emozionare e coinvolgere un numero sempre più grande di appassionati. La Sportiva Vertical Trophy, sette appuntamenti dedicati alla corsa verticale off road nella meravigliosa cornice delle valli di Fiemme e Fassa, è infatti tutto questo, ed è riuscito anche questa volta a dimostrarlo. Ripercorrendo i passi dei grandi campioni dello skyrunning o affrontando in alternativa tracciati  ancora inediti ai più dediti conoscitori della disciplina, questo particolare Challenge si è proposto come invitante occasione per unire atleti, appassionati e neofiti della corsa in montagna nello spirito che meglio identifica questo sport: quello di condividere la stessa passione per l'ambiente montano e per l’attività all’aria aperta, senza tuttavia farsi mancare quel pizzico di competitività che certamente non guasta. Sono state infatti oltre 800, le persone che di volta in volta hanno preso parte ad uno o più degli appuntamenti fissati tra giugno e ottobre, e 140 gli starter sabato scorso a Ziano di Fiemme, in “casa” La Sportiva, per correre l’ultima tappa, vinta dal campione del mondo Urban Zemmer e da Beatrice Deflorian per quanto riguarda il femminile. È proprio l’atleta dell’US Cornacci Tesero e portacolori del team La Sportiva  a portarsi a casa oltre alla vittoria giornaliera, anche il premio di circuito. A farle compagnia sul gradino più alto del podio il compagno di squadra Christian Varesco. Suoi, i tempi migliori con  il maggior numero di presenze in gara. Una quinta edizione che non si sarebbe potuta concludere in modo migliore; con un arrivederci alla prossima estate e con lo spirito - e le gambe- pronti per affrontare al meglio la vicina stagione invernale. Photo Massimo Vaia e Marco Salaris ©